Sei in: Home » Attrazioni » Parchi naturali » Ein Umm Ahmed
Attrazioni

Ein Umm Ahmed

Ein Umm Ahmed

“Ein Umm Ahmed” è un’oasi protetta che si trova nella regione del Sinai, nell’Egitto nord-orientale nel golfo di Aqaba, all’altezza della cittadina di Nuweiba. La riserva si raggiunge solo con fuoristrada o con i cammelli – trovandosi in zona desertica non vi sono strade attrezzate.
Il suo nome letteralmente vuol dire “la sorgente della madre di Ahmed”, un nome strano che però può dare l’idea della fertilità dell’area naturalistica in una terra ostile e arida come quella del deserto del Sinai.
L’oasi si sviluppa sul luogo dove prima scorreva un fiume e ora vi è una profonda secca, si trova a 600 metri di altitudine e gode di un clima asciutto.

Qui, tra le rocce dai mille colori e un cielo che sembra più azzurro, crescono abbondanti e rigogliosi alberi da frutto (soprattutto fichi e limoni), palme da datteri, alberi di olivo. Vi è anche un orto copioso di pomodori, basilico e menta.
La presenza della menta è un indicatore della ricchezza dell’oasi e della presenza dell’acqua in grande quantità – la menta è infatti una pianta che ha bisogno di molta acqua per attecchire nel terreno e crescere.

Le sorgenti d’acqua che sgorgano nell’oasi “Ein Umm Ahmed” rappresentano una risorsa importante anche per le carovane nomadi di beduine che giungono qui dal deserto.
Inoltre l’area è abitata da beduini locali che negli ultimi anni hanno imparato a convivere con la presenza dei turisti stranieri e tendono a condividere con i visitatori i loro prodotti (ad esempio offrono spesso del il tè verde) e a offrirsi come guida all’interno dell’area protetta. Negli ultimi anni, essi offrono anche la possibilità di passare una notte in tenda all’interno dell’area protetta – questo servizio è dovuto alla presenza sempre più numerosa dei visitatori e rientra nello “sfruttamento sostenibile” del parco “Ein Umm Ahmed”.

I beduini sono i padroni di casa di questo luogo sorprendente; essi vivono principalmente di agricoltura e allevamento e la loro vita “genuina” rappresenta una salvaguardia per la bellezza e l’importanza naturalistica della riserva di “Ein Umm Ahmed”. Per queste comunità locali, infatti, il monte Sinai è sacro e pertanto vigilano con scrupolosa cura alla sua conservazione.
Va ricordato che nell’oasi vivono numerose specie di uccelli ed è ricchissima di piante e talvolta si tratta anche di specie animali e vegetali in via d’estinzione.

La EEAA (Egyptian Environmental Affairs Agency – Agenzia Egiziana per l’Ambiente), istituita nel 1982, è il principale soggetto governativo responsabile della conservazione e della protezione della natura. Ad essa si aggiunge anche il Servizio Faunistico Egiziano istituito nel 1979. Entrambe queste associazioni sono comunque responsabili della conservazione e della tutela dell’area naturalistica “Ein Umm Ahmed”.